Medicina estetica: Tossina botulinica

Medicina estetica: Tossina botulinica da FINESTETICA TURATI

Da: FINESTETICA TURATI  28/02/2010
Parole chiave: medicina estetica, collagene, tossina botulinica

Appannaggio fino a poco tempo fa solo di alcune categorie professionali, es. gli specialisti in oculistica e neurologia per la cura di patologie quali le oftalmoplegie, la tossina botulinica ha visto riconosciuto dal 2004 il suo utilizzo anche a scopo estetico, rientrando, di fatto, nell’armamentario del Chirurgo Plastico. La sua funzione è quella di distendere le rughe generate in superficie dalla continua contrazione dei muscoli sottostanti (ad esempio le rughe glabellari). Una volta iniettata, l’azione della tossina è irreversibile. I risultati cominciano ad essere visibili cinque giorni dopo l’infiltrazione. La durata dell’effetto è di tre/sei mesi, periodo dopo il quale il trattamento deve essere ripetuto.

Prodotto dalle grandissime potenzialità vede allo stato attuale il suo impiego a scopo estetico legalmente riconosciuto unicamente per il trattamento di determinate aree del volto. Non mancano comunque evidenze scientifiche relative alla sua efficacia in altri distretti corporei e più articolate patologie (ad esempio l’eccessiva sudorazione palmo plantare).

Il trattamento è rigorosamente ambulatoriale, indolore. Il paziente può quindi immediatamente riprendere le proprie occupazioni.

La tossina botulinica risulta efficace anche in altri distretti corporei per il trattamento dell’eccessiva sudorazione (es. palmo plantare, ecc).

Parole chiave: collagene, medicina estetica, tossina botulinica