Pannelli Fotovoltaici: lo scambio sul posto

Da: Palumbo Impianti di Palumbo Salvatore  01/09/2010
Parole chiave: Pannelli Solari, Impianti Fotovoltaici, Soluzioni Di Risparmio Energetico


Lo scambio sul posto, disciplinato dalla Deliberazione ARG/elt 74/08, definisce la regolamentazione del meccanismo che consente di immettere in rete l’energia elettrica prodotta ma non immediatamente autoconsumata per poi prelevarla in un momento successivo per soddisfare i propri consumi. Il servizio di scambio sul posto è regolato su base economica dal GSE, ed è usufruibile per:

impianti di produzione da cogenerazione ad alto rendimento con potenza fino a 200 kW;

impianti di produzione da fonti rinnovabili fino a 20 kW (tra i quali rientrano gli impianti  di  produzione fotovoltaici). La Finanziaria 2008 ha esteso a 200 kW la potenza massima fino a cui gli impianti alimentati a fonti rinnovabili potranno accedere allo scambio sul posto. Tale norma è diventata operativa dopo la pubblicazione del decreto attuativo del 18 dicembre 2008 e della relativa delibera (ARG/elt 1/09) che hanno ridefinito le regole e le modalità per usufruire di questo servizio. Gli impianti entrati in esercizio a partire dal 1° gennaio 2008 possono accedere al servizio di scambio sul posto nel limite massimo di 200 kW.

In generale il servizio di scambio sul posto produce un vantaggio maggiore per l’Utente dello scambio qualora, su base annua, la valorizzazione dell’energia elettrica immessa in rete compensi totalmente l’ energia elettrica prelevata dalla rete; inoltre, per la totalità dell’energia elettrica scambiata con la rete, l’Utente dello scambio vedrà ristorati dal GSE i costi che ha sostenuto per l’utilizzo della rete in termini di servizi di trasporto, di dispacciamento.

Dopo la verifica della documentazione da parte del GSE, verrà riconosciuta la tariffa incentivante per la durata di 20 anni;

Tale tariffa varia a seconda degli usi e dei particolari costruttivi.

Per fare chiarezza a quanto su detto vedasi: .

 



 


Oltre all'incentivo erogato, l'utente dello scambio, ha il doppio vantaggio di vendere l'energia prodotta e non consumata al proprio gestore di rete (ENEL); Qui si andrà a decidere se, dalla vendita dell'energia, si voglia avere un ristoro economico, o un accredito di energia da consumare in tre anni (ovviamente tra i due sistemi si avrà una variazione nel prezzo di acquisto).

Quindi, a tal proposito, è ovvio che risulti necessario dimensionare l'impianto elettrico in base ai propri consumi, al fine di evitare una spesa isosa.

Per fare chiarezza a quanto su detto vedasi:


Ricordiamo infine:

  • che l’impianto fotovoltaico deve essere realizzato secondo le normative tecniche previste.

  • chi intende realizzare un impianto si rivolge a un progettista o a una ditta installatrice specialistica per l’elaborazione di un progetto preliminare e di un preventivo economico dell’impianto.

  • che tale fase comprenda un accurato sopralluogo sul sito d’installazione da parte del progettista o della ditta installatrice. La produzione di energia da un impianto fotovoltaico, infatti, dipende molto dalla corretta installazione dell’impianto ovvero dall’ottimale esposizione all’irraggiamento solare;

  • che la Palumbo Impianti grazie all'esperienza acquisita ed alla qualità dei materiali utilizzati, tutto di tecnologia tedesca, ha raggiunto un ottimo grado di affidabilità e concorrenza, con un totale di 40KWh installati.

    Trasformiamo la tua casa...........

    .........................in denaro!

 
Per un'analisi di fattibilità economica, per un preventivo o per la semplice  informazione non esitate a contattarci.

Parole chiave: Agrigento, Energia Solare, Fotovoltaico, Impianti Fotovoltaici, Impianti Solari, Impianti Solari Termici, Impianto Fotovoltaico, Pannelli Fotovoltaici, Pannelli Solari, Soluzioni Di Risparmio Energetico

Contatto Palumbo Impianti di Palumbo Salvatore

Email

Stampa questa pagina