Centro di Servizi Fiscali e del

Centro di Servizi Fiscali e del da FIADEL

Da: FIADEL  04/02/2010
Parole chiave: per la legittima difesa di chi lavora

 

Via Isonzo, 15 – 09016 Iglesias  Telefono0781/47239  393 0706535

              

MODELLO 730

GLI ALTRI NOSTRI SERVIZI

Mod. ISEE

Mod. RED

ICI

Mod. Unico

Social card

Bonus famiglia

Bonus energia

Cosa occorre per la compilazioneMODELLO 730

Modello CUD 2010 redditi 2009 che il datore di lavoro o l’Ente pensionistico consegnerà entro

il 28 febbraio 2010.

• Modello CUD 2010 redditi 2009 rilasciato dall’INPS per l’indennità di disoccupazione, di mobilità,

di maternità e per la Cassa Integrazione Guadagni.

• Talloncino di pagamento delle pensioni estere.

• Rogito notarile di eventuali compravendite immobiliari avvenute nel 2009.

• Visura catastale degli immobili che hanno ottenuto una nuova rendita catastale (es. immobili con

precedente rendita catastale presunta, immobili soggetti a condono edilizio 1986, 1993 o 2004,

unità immobiliari categoria “D”, immobili ristrutturati, etc.).

• Contratti di affitto per gli immobili concessi in locazione.

• Modello ex RAD relativo a dividendi azionari.

• Certificazione dei compensi per prestazioni occasionali.

• Deleghe di acconti di imposta versati autonomamente nel 2009(deleghe di pagam. mod. F24).

• Ogni quant’altra documentazione attestante la percezione di redditi nel 2009.

Oltre a questo, cosa occorre ai nuovi clienti

• Dichiarazione dei redditi dell’anno precedente (modello 730/2010 o UNICO 2010).

• Codice fiscale del coniuge e dei familiari a carico.

• Visura catastale degli immobili posseduti.

• Contratto di mutuo relativo all’acquisto dell’immobile di residenza.

Cosa occorre per detrarre o dedurre le spese

• Visite mediche specialistiche o generiche: fattura rilasciata dal medico.

• Analisi, indagini radioscopiche, ricerche: fattura rilasciata dal centro sanitario.

• Spese dentali: fattura rilasciata dal medico o dall’odontoiatra o dall’odontotecnico.

• Occhiali da vista, lenti a contatto: fattura o scontrino parlante (con codice fiscale dell’acquirente

e descrizione del bene) dell’ottico optometrista oppure fattura o scontrino parlante del negozio

accompagnato dalla prescrizione medica.

• Apparecchi acustici: fattura o scontrino parlante del negozio accompagnato dalla prescrizione

medica.

• Acquisto o affitto di attrezzature medico-sanitarie: fattura o scontrino parlante della sanitaria o

della farmacia.

• Degenze ospedaliere: fattura rilasciata dall’ospedale o dalla casa di cura.

• Retta della casa di riposo: dichiarazione rilasciata dalla casa di riposo dove sia separatamente

indicato l’importo relativo all’assistenza medico-infermieristica rispetto all’importo relativo al

vitto.

• Riabilitazione, ginnastica, massaggi: fattura rilasciata dal centro sanitario accompagnata dalla

prescrizione medica.

• Cure termali: ricevuta del ticket se rese nell’ambito del SSN oppure fattura della struttura termale

accompagnata dalla prescrizione medica.

• Prestazioni effettuate presso il SSN: ricevuta del ticket versato.

Medicinali: scontrini parlanti della farmacia (scontrini con codice fiscale, natura e quantità

del farmaco) e ricetta medica.

• Certificati medici per qualsiasi uso: fattura rilasciata dal medico.

• Spese di assistenza specifica: fattura rilasciata dall’infermiere o dallo specialista in riabilitazione

o da altro operatore specializzato riconosciuto.

• Spese per l’assistenza ai portatori di handicap: fattura della spesa e certificazione relativa al riconoscimento

dell’handicap.

• Spese per l’acquisto di autoveicoli adattati: fattura della concessionaria e certificazione relativa

al riconoscimento dell’handicap.

• Spese per gli addetti all’assistenza personale (badanti): ricevuta rilasciata dall’addetto all’assistenza

e certificazione attestante la non autosufficienza della persona assistita.

• Spese mediche effettuate all’estero: la stessa documentazione richiesta per l’analoga spesa effettuata

in Italia oltre ad una traduzione semplice dei documenti se questi sono redatti in inglese,

francese, tedesco o spagnolo, una traduzione giurata se sono redatti in altre lingue.

• Interessi passivi per mutui ipotecari: contratto di mutuo, contratto di acquisto del fabbricato, ricevuta

della banca relativa alle rate pagate nel 2008, fattura del notaio relativa all’atto di mutuo.

• Premi di assicurazioni vita e infortuni: ricevuta del pagamento del premio versato, contratto di

assicurazione.

• Spesa per pratica sportiva ragazzi (palestra, piscina, ecc.): fattura, ricevuta o quietanza pagamento.

• Spese scolastiche: ricevuta di versamento per l’iscrizione a Università e scuole superiori, pubbliche e private.

• Spese per la frequenza di asili nido: ricevuta di versamento della retta di frequenza all’asilo nido.

• Canone di locazione degli studenti universitari fuori sede: contratto di affitto e ricevuta dell’avvenuto

pagamento.

• Spese funebri: fatture di spese riconducibili al funerale.

• Compenso intermediari immobiliari: fattura attestante la spesa.

• Erogazioni liberali a favore di ONLUS e Associazioni Sportive: ricevuta del versamento rilasciata

dall’Associazione nel quale risulti la modalità di versamento utilizzata. Sono da escludere i versamenti

delle quote associative e quelli effettuati come pagamento di servizi resi.

• Spese veterinarie: fattura rilasciata dal veterinario e scontrini farmaceutici relativi a medicinali

specifici.

• Contributi previdenziali: ricevute dei versamenti contributivi, compreso il versamento INAIL pagato

dalle casalinghe.

Spese per l’abbonamento ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale ed interregionale:

titolo di viaggio nominativo o titolo di viaggio non nominativo accompagnato da autocertificazione.

• Erogazioni liberali a favore Istituti Scolastici: ricevuta del versamento rilasciata dall’Istituto nel

quale risulti la modalità di versamento utilizzata.

• Contributi versati per le collaboratrici domestiche: ricevuta del bollettino postale, per la quota di

competenza del datore di lavoro.

• Contributi a favore di istituzioni religiose: ricevute di versamento agli Istituti Centrali delle Chiese

riconosciute. Non sono deducibili i versamenti effettuati direttamente alle parrocchie.

• S.S.N. pagato sull’assicurazione auto: quietanza relativa al premio pagato nel 2009, indipendentemente

dal periodo di copertura assicurativa.

• Assegno periodico corrisposto al coniuge separato: sentenza di separazione o divorzio, codice

fiscale coniuge separato, bonifici o ricevute rilasciate dal soggetto che percepisce la somma. Non

è deducibile la quota versata a favore dei figli.

• Versamenti a fondi pensione: ricevuta del pagamento effettuato, contratto stipulato.

• Contributi a paesi in via di sviluppo: ricevuta di versamento alle Organizzazioni Non Governative

riconosciute.

• Consorzi di bonifica: ricevuta che attesti il versamento effettuato, cartella esattoriale di riferimento.

Spese per l’aggiornamento e formazione dei docenti: fattura o ricevuta fiscale o copia della ricevuta

di conto corrente da cui risulti il codice fiscale dell’acquirente e la tipologia di acquisto.

• Spese per interventi di recupero edilizio: comunicazione al Centro di Servizi delle Imposte Dirette,

ricevuta della relativa raccomandata, fatture pagate nel 2009 e relativi bonifici bancari.

• Sostituzione frigoriferi: fattura o scontrino parlante per l’acquisto e documentazione attestante i

costi per lo smaltimento del vecchio apparecchio.

• Spese risparmio energetico (55%): ricevuta dell’invio della documentazione all’Enea, fatture pagate

nel 2009, relativi bonifici bancari e altra documentazione secondo la tipologia di spesa.

novità

novità

IMPORTANTE: Queste sono le spese più comuni che possono essere detratte o dedotte dalla dichiarazione

dei redditi. Ne esistono altre, anche se non sono frequenti. In caso di dubbi sulla eventuale

deducibilità di altre spese, portate sempre con voi la relativa documentazione; questo consentirà ai

nostri operatori di verificarne l’eventuale inerenza consentendovi risparmio di tempo e fatica.

Ricordatevi che molte delle spese sopra elencate danno diritto alla detrazione anche se il costo è stato

sostenuto dalle persone a carico.

Inoltre, quando l’onere è stato sostenuto per i figli, la detrazione spetta al genitore al quale è intestato

il documento che certifica la spesa. Se il documento è intestato al figlio, la spesa viene divisa

tra i due genitori che, eventualmente, possono suddividerla in percentuale diversa tra loro.

Il familiare per essere considerato fiscalmente a carico non deve aver conseguito un reddito nel corso

dell’anno d’imposta 2009 superiore a 2.840,00 euro.

Parole chiave: per la legittima difesa di chi lavora