Sartoria Orefice del 1856, Cernobbio (CO)

Sartoria Orefice  del 1856, Cernobbio (CO) da ASSA - Antonio Sacchetti Studio Architettura

Da: ASSA - Antonio Sacchetti Studio Architettura  06/09/2011
Parole chiave: Interior Design, Ristrutturazione casa, Studio

La sartoria Orefice nella sua centenaria storia è divenuta già agli inizi del novecento punto di riferimento nel territorio, vestendo generazioni di signori della borghesia comense e milanese. Oggi serve una clientela internazionale: svizzera, tedesca, russa, statunitense.Il patron Lino Orefice, della terza generazione, affiancato dai figli Cleto e Silvia, che seguono la tradizione famigliare, ha deciso di rinnovare l’immagine e conseguentemente i locali per migliorare il servizio alla clientela.La sartoria nella sua storia ha cambiato alcune location sempre in Cernobbio. Quella attuale di poco superiore ai trecento metri quadrati suddivisi a metà tra spazio vendita e laboratorio, presenta un problema commerciale: ha pochissimo spazio vetrina sul fronte strada, solo diciassette metri quadrati. Lo showroom è sito in un edificio degli anni sessanta, di fronte a casa Cattaneo, realizzato su un terreno in pendenza si sviluppa parallelamente al corso principale della cittadina, la via Regina. Il fronte porticato è su strada a quota zero, mentre sul retro si affaccia su un giardino a quota – 3,50 ml dominato da un enorme pino secolare. Il negozio ha due ingressi per la clientela, uno sulla strada e uno sul giardino, e possiede complessivamente cinque vetrine: una sul fronte principale e quattro sul retro.Cambiare i locali è sempre un problema per un’attività commerciale, particolarmente se in un piccolo centro dove i locali sono pochi e piccoli; la scelta di sistemare quelli attuali diviene quasi obbligata. Conseguentemente il secondo inconveniente è chiudere per i lavori.Il progetto è dunque strutturato per rispondere a questi principali condizionamenti oltre a tutte le altre risposte d’immagine dell’attività.Il progettoPer giungere alla completa sistemazione dei locali senza dover mai chiudere “bottega” si sono previste tre fasi di realizzazione. La prima, quella costruita, interessa l’ingresso principale con vetrina sul fronte strada e una parte sottostante il negozio riguardante il reparto donna; che si trova più a diretto contatto con quest’ultimo. La seconda fase prevede la sistemazione di tutta la restante parte del negozio coincidente col reparto uomo. La terza fase riguarda il laboratorio con l’ufficio e i magazzini.Il tema per il progetto d’immagine è semplice: rinnovamento nella tradizione sartoriale dove tutto è creato a misura del cliente. Così come i nuovi materiali impiegati in sartoria, per esempio le fibre del fresco di lana che opportunamente trattate non si macchiano e i sistemi evoluti di misurazione scanner che permettano di prendere le misure del cliente che si trova dall’altra parte del mondo o sul suo aereo personale; anche lo spazio è sintesi evoluta fra tradizione e modernità. Forme contemporanee disegnate con proporzioni classiche, materiali antichi lavorati con tecniche evolute, tecnologie avanzate per risparmiare energia, sistemi sofisticati per comunicare messaggi tradizionali.Il progetto ha previsto la realizzazione di un nuovo serramento vetrina che permettesse la massima superficie vetrata e la realizzazione di una grande volta ad abside per connettere lo spazio con quello sottostante; invitando il cliente a scendere la scala per accedere allo showroom. Un sistema a touch screen proiettato sul vetro della vetrina permette al passante di consultare le collezioni che gli appaiono sul grande schermo piatto posto sulla parete di fondo. Una consolle realizzata dietro la fascia orizzontale nera su cui è fissata l’insegna della maison contiene l’impianto di illuminazione per la vetrina e per la volta. Un parapetto realizzato in legno contiene l’impianto di condizionamento del locale e diviene la boiserie di rivestimento di un lato della scala. Al piano inferiore si sono liberati gli spazi e aperto un nuovo varco nel muro esistente per connettere il reparto donna con il reparto uomo. I vecchi mobili sono stati sottoposti ad un restyling e rivestiti parzialmente con pannellature di legno laccato bianco per risaltare i tessuti. Un sofisticato impianto luci studiato con Zumtobel riduce l’impatto termico dei locali e diminuisce sensibilmente il consumo energetico.La pietra grigia per il pavimento dell’ingresso e per la scala è stata tagliata e posata con le fughe come se fosse il più classico dei gessati. Il colore delle pareti al tatto è come una maglia di cotone. L’acciaio del serramento verniciato di nero all’esterno è rivestito di legno all’interno come il contorno di un vecchio baule da viaggio. Il Corian usato per realizzare la maniglia dell’ingresso non è mai freddo neppure d’inverno come una calorosa stretta di mano.

Parole chiave: Architetti, Architettura, Arredamenti Su Misura, devo ristrutturare un edificio, Direzione Lavori, Interior Design, Mobili Su Misura, Ristrutturazione casa, Ristrutturazioni Edili, Sacchetti, Studi Di Fattibilità, Studio, Studio Di Architettura,

Contatto ASSA - Antonio Sacchetti Studio Architettura

Email

Stampa questa pagina

Altri lavori o progetti passati per ASSA - Antonio Sacchetti Studio Architettura

Ristrutturazione di alloggio, Cernusco sul Naviglio (MI) da ASSA - Antonio Sacchetti Studio Architettura thumbnail
19/09/2011

Ristrutturazione di alloggio, Cernusco sul Naviglio (MI)

L’abitazione, situata a Cernusco sul Naviglio,immersa in un complesso costruito intorno agli anni 50, è strutturata su un unico livello.


Ristrutturazione di alloggio, Bologna da ASSA - Antonio Sacchetti Studio Architettura thumbnail
13/07/2011

Ristrutturazione di alloggio, Bologna

L’alloggio è sito in uno stabile degli anni 50 realizzato con struttura portante in mattoni, recentemente risistemato all’esterno e nelle


Ristrutturazione di alloggio, Milano da ASSA - Antonio Sacchetti Studio Architettura thumbnail
13/07/2011

Ristrutturazione di alloggio, Milano

L' alloggio è sito in un complesso di edifici progettato dall'architetto Giò Ponti alla fine degli anni 50. Si tratta


Showroom Hermès, Parma da ASSA - Antonio Sacchetti Studio Architettura thumbnail
13/07/2011

Showroom Hermès, Parma

Descrizione


Showroom Hermès, Milano da ASSA - Antonio Sacchetti Studio Architettura thumbnail
13/07/2011

Showroom Hermès, Milano

Descrizione


Showroom Bagno Design, Nova Milanese (MI) da ASSA - Antonio Sacchetti Studio Architettura thumbnail
13/07/2011

Showroom Bagno Design, Nova Milanese (MI)

Lo showroom trova spazio al piano terra di un edificio di nuova edificazione destinato ad abitazioni uffici e spazi commerciali.


Banca Credito Cooperativo di Carate Brianza, Uffici sede da ASSA - Antonio Sacchetti Studio Architettura thumbnail
13/07/2011

Banca Credito Cooperativo di Carate Brianza, Uffici sede

Il progetto di ristrutturazione della sede centrale della banca doveva seguire la nuova immagine studiata per gli sportelli delle varie


Banca Credito Cooperativo di Carate Brianza, Agenzia di Rho da ASSA - Antonio Sacchetti Studio Architettura thumbnail
13/07/2011

Banca Credito Cooperativo di Carate Brianza, Agenzia di Rho

Nel piano di sviluppo della banca del Credito Cooperativo di Carate Brianza c’è il principio di essere un istituto aperto


Banca Credito Cooperativo di Carate Brianza, Agenzia di Agrate da ASSA - Antonio Sacchetti Studio Architettura thumbnail
13/07/2011

Banca Credito Cooperativo di Carate Brianza, Agenzia di Agrate

Nel piano di sviluppo della banca del Credito Cooperativo di Carate Brianza c’è il principio di essere un istituto aperto


Rivestimento di facciata ipermercato Esselunga e Media World da ASSA - Antonio Sacchetti Studio Architettura thumbnail
12/07/2011

Rivestimento di facciata ipermercato Esselunga e Media World

Il progetto di riconversione dell’area industriale ex Innocenti in località Rubattino, a ridosso della tangenziale est di Milano, a fronte


Casa bifamigliare, Cinisello Balsamo (MI) da ASSA - Antonio Sacchetti Studio Architettura thumbnail
12/07/2011

Casa bifamigliare, Cinisello Balsamo (MI)

L’edificio costruito negli anni 60 era un’anonima casa a villa di due piani fuori terra con interrato che la committenza