Dietologia

Da: FINESTETICA TURATI  28/02/2010
Parole chiave: Psicologia, dietologia, Educazione Alimentare

Il counseling nutrizionale è una tecnica particolarmente adatta a persone che necessitano di modificare comportamenti alimentari errati. Consiste in un percorso di breve durata finalizzato al raggiungimento di una maggiore consapevolezza e di un’adeguata responsabilizzazione delle proprie abitudini alimentari.

La metodologia utilizzata è quella del colloquio dietoterapico, non prescrittivo.

Il counseling rappresenta il punto di convergenza tra l’ambito psicologico e quello clinico. Attraverso la formulazione di strategie personalizzate e realistiche, consente di gestire in maniera corretta la propria giornata alimentare, anche rispetto al proprio ambito familiare, ridurre il disagio emotivo provocato dal cambiamento delle routine alimentari quotidiane, modificare eventuali comportamenti a rischio e prevenire l’insorgere di patologie alimentari.

Numerosi sono i fattori – ambientali, religiosi, socio-culturali, educativi, psicologici – connessi alla storia personale di ogni individuo, e che concorrono a determinare le sue abitudini alimentari. Il counseling permette di raggiungere gradualmente gli obiettivi nutritivi prefissati, orientando il soggetto a scelte consapevoli per la propria salute, attraverso strategie di cui egli stesso è parte attiva nell’ elaborazione della strategia più idonea alla modifica del suo comportamento alimentare errato.

L’approccio è basato sullo scambio di informazioni consulente-soggetto, finalizzato da un lato a fornire educazione alimentare e nutrizionale, dall’altro a ricercare alternative percorribili e concrete in cui l’individuo è direttamente coinvolto.

Parole chiave: Counseling nutrizionale, dietologia, Educazione Alimentare, Psicologia,