Il sole mette a rischio la salute dei nostri occhi

Il sole mette a rischio la salute dei nostri occhi da Pascotto - Istituto per la Salute degli Occhi

Da: Pascotto - Istituto per la Salute degli Occhi  27/07/2008
Parole chiave: Occhiali, Oculista, Oct

Il sole mette a rischio la salute dei nostri occhi

Secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Archives of Ophthalmology, le persone che si espongono di più al sole da giovani hanno un rischio maggiore di essere colpiti da degenerazione maculare, una malattia che può portare alla cecità.

I ricercatori dell'Università del Wisconsin hanno riferito che i partecipanti allo studio che hanno dichiarato di essersi esposti al sole cinque o più ore al giorno hanno un rischio doppio di sviluppare la malattia, nota anche come maculopatia correlata all'età, rispetto a coloro che si espongono per meno di due ore al giorno.

In questa condizione, la retina, il tessuto riccamente innervato che riveste la parte posteriore, interna, degli occhi e che trasmette i segnali visivi al cervello, sviluppa una serie di anomalie. Vasi sanguigni alterati, pigmento e drusen (noduli che si formano per un alterato ricambio cellulare) si accumulano nella retina e danneggiano la vista, portando perfino alla cecità.

La causa della degenerazione maculare non è ancora perfettamente nota.

Dato che non esistono trattamenti che consentano di recuperare la vista persa, è particolarmente importante cercare almeno dei metodi efficaci per prevenire questa terribile condizione.

I ricercatori dell'Università del Wisconsin hanno dimostrato che esiste una relazione fra la prolungata esposizione al sole durante i primi anni dell'età adulta e la comparsa di degenerazione maculare decenni più tardi. Essi hanno scoperto che, tra più di 2700 persone, quelli che si sono esposti per più di cinque ore al giorno al sole nel corso della loro adolescenza e nei primi anni dell'età adulta hanno avuto più di due volte il rischio di degenerazione maculare rispetto a quelle persone che si esponevano al sole per meno di due ore al giorno.

Indossando un cappello o occhiali da sole almeno la metà del tempo di esposizione, si riduce notevolmente il rischio di alterazioni del pigmento retinico e la formazione di drusen tra coloro che si espongono maggiormente al sole.

Sarebbe un errore, però, evitare il sole del tutto, perché un'inadeguata esposizione al sole può creare altri tipi di problemi. Per esempio, un'esposizione al sole troppo limitata può portare a carenza di vitamina D. Ciò accade perché la vitamina D viene convertita nella sua forma attiva nella pelle dopo l'esposizione alla luce solare. Se l'esposizione al sole è minima e non c'è abbastanza vitamina D nella dieta (o se la vitamina non è correttamente assorbita a causa di un problema intestinale), possono scaturire malattie gravi come l'osteomalacia o il rachitismo. I sintomi comprendono dolore osseo, debolezza muscolare e fragilità ossea (si verificano fratture anche a seguito di traumi leggeri o in alcuni casi, senza alcun trauma apparente).

In base a questa nuova ricerca, evitando la prolungata esposizione al sole e ricordandosi di indossare occhiali da sole e un cappello si può ridurre il rischio di degenerazione maculare.

E' importante, inoltre, un giudizioso uso di protezioni solari con un buon fattore di protezione. Ciò può ridurre il rischio di scottature e tre tipi di cancro della pelle (melanoma, carcinoma basocellulare e carcinoma a cellule squamose). Limitando l'esposizione della pelle al sole possiamo anche ridurre la quantità di danni dovuti al sole (comprese le rughe, variazione di colore e ispessimento della pelle).

Anche se si è già affetti da degenerazione maculare di moderata gravità, è comunque una buona idea modificare la propria dieta ed assumere integratori. Mangiare ortaggi a foglie più scure, che sono ad alto contenuto di antiossidanti, potrebbe rallentare la progressione della malattia oculare. Allo stesso modo, gli integratori di vitamina C (500 mg/die), vitamina E (400 unità al giorno), beta-carotene (15 mg al giorno), zinco (80 mg al giorno) e rame (2 mg al giorno, per evitare una possibile anemia indotta dallo zinco), potrebbe rallentare la progressione della degenerazione maculare e ridurre il calo della vista nel corso del tempo.

È noto che l'aumentata assunzione di antiossidanti, in questo modo, può effettivamente prevenire la degenerazione maculare.

Antonio Pascotto

Parole chiave: Avastin, Degenerazione Maculare, Esame Oct, Lucentis, Maculopatia, Maculopatia Degenerativa, Melanoma Coroideale, Occhiali, Oct, Oculista, Oculista Campania, Oculista Caserta, Oculista Napoli, Oculisti Napoli, Visita Oculistica Napoli,

Contatto Pascotto - Istituto per la Salute degli Occhi

Email

Stampa questa pagina