Impianto Miniaturizzato: un'innovazione per la cura delle patologie retiniche

Impianto Miniaturizzato: un'innovazione per la cura delle patologie retiniche da Pascotto - Istituto per la Salute degli Occhi

Da: Pascotto - Istituto per la Salute degli Occhi  18/06/2010
Parole chiave: Cataratta, Degenerazione Maculare, cura cataratta

Come lavora l’Impianto Miniaturizzato?

Il concetto su cui si basa l’Impianto Miniaturizzato (LMI) è fondato sull’utilizzo di una lente intraoculare che contiene degli “specchi”. Questa lente crea un effetto telescopico che modifica l’immagine centrale conservando invece la visione periferica. In questo modo l’LMI ridisegna la visione sulla retina umana in modo da apportare migliorie nella cura delle malattie retiniche.

Questa idea risulta davvero innovativa, tant’è vero che OptoLight ha già brevettato la tecnologia LMI, la quale è stata garantita anche dall’ufficio brevetti e marchi registrati USA.

L’LMI è di piccole dimensioni. Esso è stato progettato per essere un impianto chirurgico di facile applicazione, rendendolo adatto per interventi su pazienti affetti da cataratta in stato intermedio.

L’uso di specchi fornisce adattabilità nel creare un effetto telescopico che non può essere ottenuto mediante l’uso di semplici lenti.

L’uso di specchi è frequente in molti strumenti ottici, incluso i telescopi. Grazie all’applicazione degli specchi all’interno dell’occhio, la luce riesce ad essere deviata nel modo necessario a creare un ingrandimento soltanto nel campo della visione centrale.

Come nel caso dei telescopi classici, questa semplice idea permette di migliorare la condizione di pazienti affetti da degenerazione maculare senile o altre malattie renitiche creando un ingrandimento dell’immagine sul centro della retina, in modo da far cadere l’immagine su un’area più vasta di quella malata.

Nei soggetti affetti da degenerazione maculare, la maggior parte delle cellule fotorecettrici del centro della macula non svolgono il loro compito e non percepiscono la luce, mentre quelle situate in periferia non subiscono variazioni, rimanendo vive e funzionanti.

Pertanto, espandendo il campo della visione centrale mediante l’ingrandimento della macula, si riescono ad utilizzare un maggior numero di cellule fotorecettrici, creando così un’immagine talmente definita da risultare visibile a qualunque paziente.

 
Vantaggi dell’LMI

L’LMI è simile nelle sue dimensioni ad una comune lente intraoculare usata nella chirurgia della cataratta. Pertanto, la metodologia d’applicazione dell’LMI risulta simile a quella delle lenti in polimetilmetacrilato (PMMA) usate per la cataratta. I pazienti affetti da degenerazione maculare che si sottopongono ad un impianto di LMI ottengono un ingrandimento della visione centrale senza subire perdita di visione periferica che, pertanto, resta invariata. In questo modo i pazienti percepiscono  un’immagine ingrandita al centro della retina malata senza effetti collaterali sul proprio orientamento nello spazio e nelle capacità motorie.

L’impianto di LMI può essere effettuato in entrambi gli occhi. Esso risulta efficace in più dell’80% delle persone affette da degenerazione maculare (sia secca che umida) e può anche essere d’aiuto in soggetti sofferenti di altre patologie retiniche.

L’applicazione dell’LMI, inoltre, non pregiudica la necessità di successivi trattamenti come l’iniezione di farmaci anti-angiogenetici o terapie fotodinamiche. Successivamente all’applicazione dell’LMI possono essere effettuati trattamenti mediante laser YAG, se necessario.

La riabilitazione dei pazienti dopo l’impianto è relativamente rapida, molto simile a quella successiva ad una normale operazione di cataratta.

 

Future applicazioni

Usando la stessa piattaforma tecnologica, l’LMI può essere progettato per la cura di altre malattie, tra cui:

  • Malattie maculari, oltre le classiche degenerazioni senili, come la maculopatia di Stargardt, i fori maculari, le retinopatie solari, le malattie maculari infiammatorie come la toxoplasmosi, e la miopia patologica
  • Albinismo
  • Maculopatia diabetica: l’LMI può essere d’aiuto in pazienti affetti da maculopatia diabetica che si sono sottoposti ad un trattamento con laser retinico
  • Glaucoma avanzato: pazienti che sono affetti da glaucoma stabile e soffrono di visione periferica ristretta (visione tubolare)
  • Retinite pigmentosa: il problema della visione periferica può essere risolto progettando un sistema di specchi capace di incrementare il campo visivo piuttosto che il grado di ingrandimento (funzionante come il classico specchietto dell’automobile)
  • Correzione della presbiopia: tramite l’utilizzo di una versione dinamica dell’LMI, che prevede l’uso di specchi mobili, può essere eliminato il bisogno degli occhiali da lettura

Per ulteriori chiarimenti si consiglia la visione di questo filmato: http://www.youtube.com/watch?v=m1OdYMtQWos

Parole chiave: Cataratta, cura cataratta, Degenerazione Maculare, Lenti Intraoculari

Contatto Pascotto - Istituto per la Salute degli Occhi

Email

Stampa questa pagina