Le IOL fachiche a fissazione iridea sono efficaci e stabili nella correzione della miopia

Le IOL fachiche a fissazione iridea sono efficaci e stabili nella correzione della miopia da Pascotto - Istituto per la Salute degli Occhi

Da: Pascotto - Istituto per la Salute degli Occhi  07/06/2009
Parole chiave: Lenti Intraoculari, Lenti Fachiche

CHIRURGIA REFRATTIVA

Pubblicato su www.oculisticapascotto.it il 7 giugno 2009

Le IOL fachiche a fissazione iridea si sono dimostrate efficaci e stabili nella correzione della miopia

Ophthalmology. 2009;116(4):671-677

Secondo i risultati di uno studio multicentrico durato due anni, le lenti intraoculari fachiche pieghevoli a fissazione iridea sono efficaci ed offrono risultati prevedibili nella correzione della miopia.

Gli autori dello studio hanno presentato i risultati della IOL fachica Artiflex (Ophtech), pieghevole ed a fissazione iridea.

Secondo quanto affermato dagli autori, "Le complicazioni sono state simili a quelle riportate in precedenza con le IOL (fachiche) Artisan. L'unica differenza è stata una maggiore presenza di precipitati di pigmento irideo sulla lente impiantata (presenti nel 4,8% dei casi due anni dopo l'intervento)."

Lo studio ha incluso 290 occhi di 191 pazienti, di età compresa fra i 18 ed i 60 anni, con un difetto medio di -7,33 diottrie (i valori erano compresi fra –12.63 e –1.5 diottrie). Tutti gli occhi hanno ricevuto l'impianto di una Artiflex con zona ottica di 6 millimetri. Il potere della IOL variava fra -2 e -12 diottrie.

I risultati misurati nei controlli a distanza di due anni dall'intervento erano:
- La migliore acuità visiva con occhiali
- La migliore acuità visiva senza occhiali
- Il difetto refrattivo residuo (ossia, quanta miopia era eventualmente rimasta)
- La conta delle cellule endoteliali

A distanza di due anni, il 97,2% degli occhi aveva una acuità visiva senza occhiali di almeno 5 decimi; tutti gli occhi avevano un'acuita visiva con occhiali di almeno 5 decimi. Nel 49,9% dei casi c'è stato un guadagno di uno o più decimi di vista (ossia, i pazienti vedevano dettagli che prima dell'intervento non vedevano neanche con la migliore correzione possibile); lo 0,8% aveva perso due o più decimi di vista. La variazione media delle cellule endoteliali è stata di -0,05% distanza di sei mesi, -1,79% dopo un anno e -1.07% dopo due anni.

Antonio Pascotto

Parole chiave: Lenti Fachiche, Lenti Intraoculari

Contatto Pascotto - Istituto per la Salute degli Occhi

Email

Stampa questa pagina