CONSULENZA PER LA REALIZZAZIONE E IL MANTENIMENTO DI UN MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE 231/01

CONSULENZA PER LA REALIZZAZIONE E IL MANTENIMENTO DI UN MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE 231/01 da Consulenza Sicurezza Veneto

Da: Consulenza Sicurezza Veneto  05/02/2014
Parole chiave: Sistemi Integrati, ASPP, incarico rspp

CONSULENZA PER LA REALIZZAZIONE E IL MANTENIMENTO DI UN MODELLO DI ORGANIZZAZIONE E GESTIONE 231/01 Il Decreto Legislativo 231/2001 ha introdotto nell’ordinamento italiano la responsabilità amministrativa (sanzioni) a carico delle Società per determinati reati commessi, nell'interesse o vantaggio degli stessi, da persone fisiche che rivestano funzioni di rappresentanza, amministrazione e direzione. Il legislatore ha espressamente previsto la possibilità per la Società di andare esente dalla suddetta responsabilità nell’ipotesi in cui questa si sia dotata di un Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo, idoneo a prevenire la commissione di reati (reati presupposto) contemplati nel Decreto legislativo 231/2001. MODI è in grado di offrire al Cliente un supporto efficace per l’implementazione e il mantenimento di un Modello di Organizzazione e Gestione ex D.Lgs. 231/01, ritagliato sulla realtà organizzativa dell’Azienda ed idoneo ad avere efficacia esimente dalla responsabilità di cui al D.Lgs. 231, per ulteriori approfondimenti visitare il nostro sito www.mog231.it.

Parole chiave: ASPP, docenti qualificati, funzione ODV, giurista dimpresa, incarico ODV, incarico rspp, mebro ODV, modelli gestione, Realizzazione MOG, Sistemi Integrati,

Altri prodotti e servizi per Consulenza Sicurezza Veneto

CORSI DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO RSPP RLS da Consulenza Sicurezza Veneto thumbnail
05/02/2014

CORSI DI FORMAZIONE E DI AGGIORNAMENTO RSPP RLS

Piattaforama attiva 24 ore su 24 e tutor La formazione a distanza (FAD) rappresenta sempre di più uno strumento formativo integrativo alla classica partecipazione in aula in quanto consente l’ottimizzazione di tempo e risorse. L’utente, nella piattaforma on-line, adeguata secondo i criteri dell’Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011, ha accesso al materiale didattico multimediale con applicativi interattivi per il test e la verifica di apprendimento che favoriscono una migliore comprension


IN VIGORE DAL 12 MARZO 2013 L'ACCORDO PER LA FORMAZIONE SULL'UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO da Consulenza Sicurezza Veneto thumbnail
05/02/2014

IN VIGORE DAL 12 MARZO 2013 L'ACCORDO PER LA FORMAZIONE SULL'UTILIZZO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO

L'accordo per la formazione sull'utilizzo delle attrezzature di lavoro, pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 12 Marzo 2012 è entrato in vigore il 12/03/2013 e si pronuncia in merito alle attrezzature di lavoro per le quali vengono richieste delle specifiche abilitazioni degli addetti e alle relative modalità per il riconoscimento di tali abilitazioni. Vengono perciò presi in causa i soggetti formatori, la durata dei corsi di formazione e i requisiti di validità della formazione.


BANDO INAIL assistenza alle aziende nella fase di ottenimento finanziamento da Consulenza Sicurezza Veneto thumbnail
05/02/2014

BANDO INAIL assistenza alle aziende nella fase di ottenimento finanziamento

L’INAIL ha pubblicato il nuovo bando ISI per sostenere le imprese che intendono investire per il miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Sono ammessi a contributo progetti che ricadono in una delle seguenti tipologie: - progetti di investimento; - progetti di responsabilità sociale e per l’adozione di modelli organizzativi; - progetti per la sostituzione o l’adeguamento di attrezzature di lavoro prive di marcatura CE (messe in servizio anteriormente al 21/9/199


Dal 1 luglio sarà obbligatorio il DVR per tutte le aziende da Consulenza Sicurezza Veneto thumbnail
06/04/2012

Dal 1 luglio sarà obbligatorio il DVR per tutte le aziende

La mancata redazione del DVR comporta per il datore di lavoro e il dirigente la sanzione dell’arresto da 3 a 6 mesi o l’ammenda da 2.500 a 6.400 €. La pena dell’arresto è estesa da 4 a 8 mesi nelle aziende a rischio di incidente rilevante e con esposizione a rischi biologici, cancerogeni/mutageni, di atmosfere esplosive, ecc.